Facebook YouTube Google+ LinkedIn National geographic Avventure nel mondo
  Photo Gallery
clicca per ingrandire
BUON COMPLEANNO BACKPACKER ADVENTURE
10/09/2015
MONDO

Ebbene si, è passato un anno preciso, oggi è il compleanno di Backpacker Adventure 10 SETTEMBRE 2014, del mio sogno diventato realtà. Mi ritrovo a scrivere alla stessa scrivania, riguardo il sito, rileggo le tante email arrivate in quest’anno, la lista degli iscritti alla newsletter, gli oltre 6000 followers della pagina facebook e sorrido, contento e felice per aver contribuito nel mio piccolo a stendere le ali di qualcuno che voleva volare ma che aveva paura o forse non era ancora pronto. Oggi come un anno fa è la mia mano a scrivere, ma il mio cuore a dettare le frasi, perché se c’è una cosa che a Backpacker non mancherà mai è il cuore e la passione. Purtroppo non posso farci nulla, sono un dannato sognatore, uno che si emoziona se vede un bimbo correre, uno che sogna ad occhi aperti, perché i sogni non costano nulla e fanno stare bene. E’ passato un anno, un anno incredibile, un anno ricco di cose belle, un anno in cui ho definitivamente realizzato che la strada intrapresa è quella giusta. Backpacker è la mia creatura, il sogno diventato realtà, la meta della lunga strada che per anni mi ha impegnato a capire chi fossi. Oggi è anche il punto di partenza per un nuovo viaggio, una nuova esplorazione, quello dentro me stesso. Tutto ciò mi ha dato la giusta dimensione per capire che nella vita nessuno ti regala nulla, ed anche quando tale sembra, bisogna stare attenti perché forse c’è un tranello. Per realizzare i sogni “ti devi fare il mazzo! metterti continuamente in gioco e prendere sempre la strada che porta in alto, mai quella in basso”. E non smetterò mai di dirlo, quella frase di Terzani in cui diceva “finirai per trovarla la strada se prima hai coraggio di perderti”, cavolo quanto aveva ragione, quanto mi ha segnato! Perdersi, cadere, farsi male, sbagliare, tutte cose che devi mettere in cantiere se vuoi trovare davvero la tua strada nella vita. Quante volte mi sono sentito dire: “Ma chi te lo fa fare!? Dove vai!? Sei Pazzo!? Ma no!?” Frasi che ancora alcuni mi dicono.

Semplice sarebbe stato restare seduto dietro una scrivania a vivere una vita “normale” rimuginando, lamentandomi, ma soprattutto vivendo una vita non mia. Chi mi conosce dice che non sto mai fermo, che la mia mente frulla sempre pensieri, che non mi rilasso mai, forse è vero ma è la mia natura, non posso farci nulla. Il mio segreto è quello di sentirmi sempre bambino e come tale saper scherzare, ridere, piangere, fare a volte anche i capricci per banalità. La voglia di conoscere ed esplorare il mondo è nel mio DNA, come la curiosità di confrontarmi con gli altri e saper piangere senza vergogna davanti ad un tramonto o emozionarmi di fronte ad una montagna. Backpacker andrà avanti, crescerà, ma come ha fatto sinora, sempre un passo alla volta. Andrà avanti ancora per la sua strada, guardando sempre e solo i prossimi cento metri, mai oltre, è inutile, io la vita me la godo un passo alla volta. Sempre pronto ad affrontare nuove sfide, nuove avventure, pronto a rimettermi in gioco. "Fai una cosa ma non farla solo per fare soldi, falla perché ti fa stare bene, perché quando la vedi sei orgoglioso di te stesso, perché forse quello che stai facendo farà stare bene altre persone e forse darà una mano a chi come te nei sogni ci crede ma ha bisogno di quella piccola spinta per volare in alto. Perché la vita è un viaggio meraviglioso e la felicità non è reale se non è condivisa, perché se ti volti dietro vedi che tutta la tua vita è legata da un filo invisibile e tutto quello che hai sempre fatto o che è successo è accaduto per portarti a vivere un determinato momento"....scrivevo un anno fa.
E allora GRAZIE a tutti quanti Voi, a chi ha letto i miei racconti, a chi si è emozionato nel guardare i miei video, ai tanti iscritti alla newsletter, agli oltre 6000 followers di facebook, a chi ha indossato le mie t-shirt e a chi mi ha mandato mail o scritto messaggi ringraziandomi per quanto faccio. Alla Pepsi per avermi dato fiducia nello scrivere reportage, alla Illy Caffè per avermi invitato come esploratore all’EXPO di Milano, a Viaggi Avventure nel Mondo per aver finanziato i miei viaggi, all'agenzia Art Project per avermi supportato nel web.
Backpacker Adventure oggi siete anche Voi, i miei tanti amici, conoscenti, followers di facebook, tutti quelli che aspettano l’uscita di un mio articolo e quelli che oggi dicono sono BACKPACKER! Grazie, grazie, grazie di cuore a tutti.

 

Resta sempre aggiornato con la Newsletter di Backpacker Adventure.
Contattami per approfondimenti o collaborazioni.