Facebook YouTube Google+ LinkedIn National geographic Avventure nel mondo
  Photo Gallery
clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire
EVEREST BASE CAMP & ISLAND PEAK 6189MT - EXPEDITION 2014
27/10/2014
Asia
NEPAL

Ci sono Avventure che hanno un sapore diverso, che senti fin dall’inizio avere qualcosa di speciale. Quella che mi appresto a fare è una di queste!
Oltre 6 mesi di preparazione fisica e mentale per poter vivere nel migliore dei modi quello che viene considerato da molti uno dei trekking più belli ed entusiasmanti al mondo.

Destinazione: Nepal, catena montuosa dell’Himalaya;

I numeri della spedizione: 24 giorni di Avventura attraverso le valli del Khumbu e di Gokyo situate tra i 2000 e 5000mt, 20 giorni di trekking, 2 passi Himalayani da attraversare il Cho la Pass (5330mt) ed il Kongmala Pass (5535mt), il festival degli sherpa il Mani Ridmu nel remoto monastero di Tingboche ad oltre 4000mt, il campo base dell’Everest (5365mt), il Kala Patthar (5545mt) e per terminare l’ascesa alpinistica alla vetta dell’Island Peak 6189mt.
La storia della montagna infinita, Sagarmatha in Nepalese, Chomolungma in tibetano, Everest per tutti gli altri. A 60 anni dalla storica prima salita di Edmund Hillary e Tenzing Norgay del 1953, con i suoi 8848m la montagna più alta della terra continua ad affascinare sempre di più. Un itinerario completo, suggestivo e soprattutto che servirà per darci il giusto acclimatamento prima dell’attacco alla vetta, Island Peak 6189mt.

Il Team partirà da Kathmandu con volo aereo destinazione Lukla, considerato l'aeroporto più pericoloso del mondo. 
Dopo alcuni giorni di trekking arriveremo al monastero di Tengboche (3870mt) per il Mani Ridmu (valle del Khumbu), da lì devieremo per la valle di Gokyo con un percorso decisamente impegnativo, ammirando la bellezza dei laghi himalayani situati ad oltre 5000mt. Avremo poi una settimana di permanenza ad oltre 5000mt, attraversando il Cho la Pass, salendo al Kala Patthar e visitanto il campo base dell'Everest. La spedizione si dirigerà verso la valle del Khumbu fermandosi a Chokkung dove faremo base prima dell'attacco alla vetta dell'Island Peak (6189mt).

La Dea dell’universo Sagarmatha veglierà sul nostro cammino. L’importante in Himalaya è salire al 60% con la testa ed al 40% col fisico, avere un passo regolare, senza strafare, dosare le forze ed acclimatarsi bene. I pericoli maggiori saranno dati dall’altitudine (considerate che a 5000mt avremo la metà dell’ossigeno che c’è al livello del mare) .e dal grande freddo con temperature che potranno arrivare anche a -25°.  

“Cielo sbiancato dal sole. Rocce e ghiaia grigia. Ghiaccio. Luce. Vento da est. Intorno a me, senza un lamento, è morta ogni nube e squilla accecante l’aria limpida di una giornata resuscitata dal nulla. Gioie e delusioni, speranze e paure, sono macinate insieme in finissima polvere nel mortaio dell’anima nel momento in cui raggiungo la vetta. Sono brevi istanti, pervasi da una felicità inesprimibile ed effimera, perché la Dea madre della Terra non regala mai nulla e ogni errore o disattenzione può costar caro.”
cit. Augusto Pompili

Resta sempre aggiornato con la Newsletter di Backpacker Adventure.
Contattami per approfondimenti o collaborazioni.